il parco san bartolo

Il Percorso Cets del San Bartolo

Il Parco Naturale del Monte San Bartolo promuove, anche attraverso i suoi strumenti di pianificazione, uno sviluppo turistico del proprio territorio che sia rispettoso del patrimonio di risorse naturali, storico culturali e paesaggistiche e inserito all’interno di un più generale percorso di sostenibilità.

Il turismo rappresenta, infatti, una importante opportunità di crescita per una comunità ma, allo stesso tempo, può costituire una minaccia, per tale ragione il Parco, intraprendendo il percorso per la candidatura alla Carta Europea per il Turismo Sostenibile (CETS), ha deciso di investire nella definizione di una vera e propria strategia di sviluppo turistico sostenibile, condivisa da tutti i soggetti a vario titolo coinvolti nel settore.

Il processo si è sviluppato all’interno di una strategia regionale più ampia che, quest’anno, ha coinvolto nell’adesione alla Carta 4 aree protette della Regione Marche: Parco Naturale del Monte San Bartolo, Parco Naturale della gola della Rossa e di Frasassi, Parco Naturale del Conero e Parco Naturale del Sasso Simone e Simoncello. Inoltre il Parco dei Monti Sibillini, che è stato uno dei primi parchi italiani ad ottenere, nel 2002, la certificazione, ha ricevuto nel 2010 il certificato di rinnovo dell’adesione alla Carta.

La Regione ha condiviso la Strategia e il Piano delle Azioni del Parco del Monte San Bartolo e delle altre aree protette coinvolte e, attraverso i suoi programmi di finanziamento, mette a disposizione fondi per l’attuazione delle azioni e promuove la realizzazione di azioni coordinate tra le aree protette regionali coinvolte nel processo CETS.

Il processo per la candidatura CETS ha rappresentato un momento importante nella crescita del Parco. E ‘ stata infatti l’occasione per realizzare un percorso continuativo e organico di incontro e dialogo con la comunità locale e una grande opportunità per rafforzare la propria identità e visibilità e rendere evidenti e concreti i vantaggi della collaborazione e della programmazione partecipata.

Le principali attività di partecipazione realizzate dal Parco sono state i 4 Forum plenari e gli incontri tematici, dedicati al confronto con specifiche categorie di stakeholders, tra cui albergatori e associazioni di categoria, associazioni sportive, culturali e ambientali e agricoltori. Oltre alle attività di coinvolgimento più formali, il Parco ha anche svolto un’intensa azione di informazione e motivazione della popolazione, utilizzando le diverse circostanze di contatto diretto con la propria comunità locale, in particolar modo attraverso incontri organizzati con specifici portatori di interesse territoriali di diversi settori (es. scientifico, sport, cultura), le attività che il Parco svolge regolarmente (trekking e passeggiate, attività scientifica e di monitoraggio, educazione ambientale) e i numerosi eventi (culturali, sportivi, sociali) che organizza, anche in collaborazione con gli altri soggetti territoriali.

La prima parte del percorso Cets si è conclusa con la sottoscrizione della Strategia e del Piano delle azioni da parte dei portatori di interesse, in occasione del Forum conclusivo del 4 dicembre 2012 a Pesaro, e con la visita del Validatore del progetto Cets del San Bartolo del 15 e 16 aprile 2013, che ha riportato un giudizio molto positivo.


Sede Ente Parco San Bartolo
Viale Varsavia, s.n.

61121 Pesaro (PU)
Tel. 0721 268426
Fax 0721 408520
comunicazione@parcosanbartolo.it
Pec: parcosanbartolo@pec.it

Comunità
del Parco San Bartolo

Piazza Dante Alighieri
61010 Fiorenzuola di Focara (PU)
Tel. 0721.208104

Museo Paleontologico
''Lorenzo Sorbini''

P.zza Dante Alighieri 1,
61010 Fiorenzuola di Focara, (PU)
Per info:
0721.400858 (Ente Parco)

Europarc Federation

© 2014 Parco Naturale del Monte San Bartolo

Credits